Buon viaggio, nonna.

Ogni anno, da quando sono nata, ho passato le mie estati facendo un viaggio di 1.100km.
Il viaggio era lungo, spesso di notte e sembrava non finire mai. Erano gli anni ’90 ed eravamo io, i miei e mia nonna.
La nonna era nata li` in quel paesino piccolo e sperduto del Salento. Anche la mamma e` nata li` e per me ormai, e` come se ci fossi nata anche io.
Nei viaggi la ricordo lamentarsi di tanto in tanto, o per il caldo o per lo stare troppo seduti, pero` ricordo anche che mi fa faceva sempre da cuscino ed era comoda comoda.
Una volta arrivati a destinazione, indipendentemente dall’orario di arrivo, ci facevamo una doccia veloce e andavamo a pranzo da sua sorella, che aveva sempre la tavola imbandita per noi. Sempre.
E poi il mare. Le orecchiette fatte in casa. I meloni mangiati sotto l’ombrellone. E gli ultimi anni in cui si era intenerita, ricordando di dirci quanto ci volesse bene.
Ho passato le mie estati in una terra che non avrei scoperto, se non fosse stato per mia nonna. Ho conosciuto amici che sono ancora al mio fianco e amori che sono passati ma che sanno ancora di salsedine.
E a settembre, prima di andare a Londra, ho mangiato la sua pasta e fagioli, quella che solo lei faceva cosi` bene.
Oggi al suo funerale c’eravamo praticamente tutti: 8 figli, 18 nipoti e 4 pronipoti.
Grazie nonna, perche` mi hai mostrato da dove vengo ed e` una cosa che non mi potro` mai dimenticare.
Buon viaggio. ♥

Immagine

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s